Cattedrale di Bourges, tesoro del gotico protetto dall’UNESCO

Facebooktwittergoogle_pluspinterest

facciata cattedrale BourgesLa cattedrale di Bourges è dedicata a Saint Etienne (Santo Stefano) e fu costruita tra la fine del XII e l’inizio del XIII secolo. Oggi questo capolavoro del gotico è iscritto nella lista del Patrimonio dell’UNESCO in quanto simbolo della cristianità della Francia Medievale, oltre che per le sue armoniose proporzioni.

Struttura della cattedrale di Bourges

La mancanza del transetto distingue la cattedrale di Bourges dalle altre cattedrali francesi, caratteristica che amplia notevolmente lo spazio interno. La navata centrale non subisce interruzioni, pertanto il visitatore che entra nella cattedrale ha l’impressione di una grande profondità.

L’interno è a 5 navate su alti pilastri a fascio, con coro a doppio deambulatorio e cappelle radiali.

La facciata occidentale misura 40 metri ed è la più larga di tutte le cattedrali gotiche francesi.

È divisa da robusti pilastri e serrata tra due torri.

Sotto la facciata si aprono 5 portali che corrispondono alle 5 navate interne. Da segnalare le sculture del portale centrale, raffiguranti il Giudizio Universale.

Fiore all’occhiello della cattedrale di Bourges sono le magnifiche vetrate del XIII secolo, tra le quali la vetrata dell’Apocalisse (leggi la Rappresentazioni dell’Apocalisse nella
sezione Iconografia).

Le vetrate più preziose sono quelle delle cinque cappelle absidali e delle finestre intermedie del deambulatorio che sono state eseguite tra il 1215 e il 1225.

basso rilievi cattedrale Bourges

cattedrale gotica di Burges

interno cattedrale di Bourges

vetrata cattedrale di Bourges

Cattedrale di Bourges, tesoro del gotico protetto dall’UNESCO ultima modifica: 2017-01-16T10:08:32+00:00 da Stefano Torselli
Facebooktwittergoogle_pluspinterest

commenta