Età vittoriana: il lungo regno della regina Vittoria d’Inghilterra

Facebooktwittergoogle_pluspinterest

Il “mito” vittoriano

Con età vittoriana si intendono gli anni che vanno dal 1837 al 1901 e che coincidono con il lungo regno della regina Vittoria, il più lungo che una sovrana inglese abbia mai conosciuto.

Alexandrina Vittoria nasce nel 1819: è figlia unica e i resoconti dell’epoca, come anche le sue lettere e i diari personali, ce la presentano come un personaggio romantico e sensibile, ma allo stesso tempo fragile, lunatico ed impulsivo.

Sale al trono nel 1837 e nel 1840 sposa un suo cugino di primo grado, il principe tedesco Alberto di Sassonia Coburgo Gotha.

Il lutto di Vittoria e la “rivoluzione puritana”

Al contrario di molte sovrane sue contemporanee, Vittoria scelse il suo sposo per amore e il sentimento di sincera amicizia, devozione totale e bruciante passione che li legò non venne mai meno nei 17 anni del loro matrimonio.

A dispetto dell’immagine puritana che nell’immaginario collettivo è associata alla regina, Vittoria fu un’amante fantasiosa e travolgente, come confermano i resoconti dettagliatissimi degli incontri sessuali con il marito che ella stilò e conservò sino alla fine della sua vita con gusto quasi feticistico.

La morte di Alberto devastò emotivamente la regina che da quel momento vestirà abiti vedovili per 40 anni, abbandonerà la vita pubblica e mondana (anche le uscite di rappresentanza
e gli incontri con i funzionari del governo saranno sospesi) e si ripiegherà in una posizione di rigore morale e puritanesimo che investirà tutta l’Inghilterra, nell’abbigliamento, nell’etichetta, nell’arte e in ogni campo del vivere sociale.

la regina Vittoria

Età vittoriana: il lungo regno della regina Vittoria d’Inghilterra ultima modifica: 2017-01-09T15:56:58+00:00 da Stefano Torselli
Facebooktwittergoogle_pluspinterest

commenta