Basilica di San Francesco ad Assisi, il nuovo stile gotico italiano

Facebooktwittergoogle_pluspinterest

La basilica di San Francesco ad Assisi è una delle prime chiese italiane costruite nel nuovo stile gotico, e segna l’inizio di una nuova epoca non solo per l’architettura, ma per tutta
la storia culturale d’Italia.

La doppia chiesa fu fondata come tomba di San Francesco nel 1228, anno della sua canonizzazione, e consacrata nel 1253.

Basilica di San Francesco ad Assisi

San Francesco e il nuovo stile gotico

Struttura e arredo della basilica di San Francesco incarnarono un nuovo ideale di religiosità che Francesco d’Assisi (1181-1226) aveva formulato nella solitudine da lui liberamente scelta: una vita di lavoro in perfetta povertà e umiltà, benevolenza nei confronti di ogni creatura, rinuncia a ogni potere terreno.

Giotto e i suoi collaboratori rappresentarono la vita del santo nello straordinario ciclo di affreschi della basilica superiore, che comincia con la vocazione del giovane, di origine benestante, e finisce col ricevimento delle stimmate sul vicino monte della Verna.

A differenza della tradizione francese, che predilige la vetrata, in Italia si è sempre preferito l’affresco come mezzo per trasmettere i messaggi religiosi.

Mentre la basilica inferiore somiglia ancora a una cripta romanica, la basilica superiore di Assisi presenta un’idea nuova che divenne esemplare per tutte le chiese d’Italia.

L’ampia sala a due piani è strutturata chiaramente ed è inondata di luce, malgrado le solide pareti. Snelli fasci di colonnine sostengono le nervature delle quattro campate quadrate.

Benché si siano tenuti presenti degli esempi francesi per la pianta e per l’alzato (cattedrale di Angers, Saint-Chapelle a Parigi), l’impressione dello spazio della basilica di San Francesco è completamente diversa rispetto a quella delle chiese d’oltralpe: linee orizzontali e verticali si trovano in un rapporto equilibrato; non viene negato il peso della costruzione, parete e sistema di sostegno non sono ridotti al minimo.

L’estetica di un tale spazio unitario ricorda le costruzioni romane e anche romaniche.

Nella stessa Assisi, in Santa Chiara, e in tutta l’Italia centrale, molti edifici sacri seguirono l’esempio della basilica di San Francesco.

Il 26 Settembre 1997 un forte terremoto colpì Assisi e danneggiò gravemente la basilica.

Il crollo parziale della volta provocò 4 morti e la basilica rimase chiusa due anni per i restauri.

architettura gotica, basilica san francesco assisi

Basilica di San Francesco ad Assisi, il nuovo stile gotico italiano ultima modifica: 2017-01-15T19:15:38+00:00 da Stefano Torselli
Facebooktwittergoogle_pluspinterest

commenta