Abbazia di Westminster, architettura gotica inglese

In predominante stile gotico l’abbazia di Westminster (Collegiate Church of Saint Peter in Westminster) è la tradizionale sede delle incoronazioni e di sepoltura dei monarchi britannici. E’ un capolavoro del gotico inglese.
L’abbazia fu chiamata così per distinguerla da St. Mary of the Graces, situata a est del parlamento di Londra (Eastminster) e sede di un monastero cistercense.

Storia della Cattedrale

Westminster facciataL’idea della costruzione dell’abbazia di Westminster fu di Edoardo il confessore, per adempiere a un voto fatto quando si trovava in Normandia: se lo avesse riportato al trono d’Inghilterra avrebbe compiuto un pellegrinaggio a Roma.

Una volta re però non potè compiere il pellegrinaggio e chiese al Papa come fare per esser dispensato dal voto che venne commutato nella costruzione di un monastero dedicato a S.Pietro.

Il luogo prescelto fu Thorney Island sul Tamigi dove esisteva dal 616 un piccolo santuario dopo che un pescatore aveva avuto una visione di San Pietro. Il 29 giugno di ogni anno i pescatori del Tamigi portano in dono a San Pietro un salmone, che viene ricevuto dall’abate di Westminster. Il santuario verso il 970 fu ampliato con la costruzione di un covento benedettino da parte di San Dunstano.

Re Edoardo nel 1045 iniziò la costruzione di una grandiosa chiesa in stile romanico consacrata nel 1065, nel 1298 un incendio la distrusse e fu ricostruita in stile gotico-francese dal re Enrico III che affidò i lavori all’architetto Henri de Reims. Nel 1376 la navata fu completamente rifatta dall’architetto Henri Yevele, che curò anche la Torre di Londra e il Palazzo di Westminster.
Nel 1506 venne realizzato il soffitto a volta e la facciata neogotica con le 2 torri alte 68 metri.
Con i regni di Enrico VII e Enrico VIII, 1503 – 1519, venne costruita la Lady Chapel, oggi chiamata cappella Enrico VII. Questa parte dell’abbazia è in stile rinascimentale e vi lavorarono artisti italiani tra i quali lo scultore Torrigiano.

Descrizione dell’abbazia di Westminster

Larga 34 metri e lunga ben 156 metri, l’abbazia di Westminster ha la navata gotica più lunga del regno, simbolo dell’unità e della forza inglese. La Chiesa è un mausoleo che raccoglie in memoria eventi salienti della storia; la cappella di San Giorgio è dedicata ai caduti della 1° guerra mondiale, a sinistra è posto il più antico ritratto di un sovrano conservato quello di Riccardo II che risale al XIV secolo.

All’ingresso della navata centrale è situata la tomba del Milite Ignoto e una lapide ricorda Sir Winston Churchill. Più avanti sono collocate le tombe di alcuni architetti del XIX secolo e dell’esploratore David Livingstone. Di seguito altre tombe di artisti e militari che si distinsero nelle campagne coloniali indiane.
La navata destra ospita una lapide sul pavimento in onore del fondatore dello scautismo Robert Baden-Powell e di sua moglie Olave a seguire una serie di busti e rilievi raffiguranti vari personaggi inglesi.
Nella terza navata spicca il monumento di William Pitt il giovane. Tutto il transetto, a destra e a sinistra dell’altare maggiore, è occupato dalle sepolture di personaggi storici, tra cui alcuni santi.

Nel Poets’ Corner sono visibili le tombe o le commemorazioni di alcuni letterati e poeti inglesi, come Shakespeare, Browning, Chaucer, Dickens e Kipling. L’altare maggiore, opera di Sir Gilbert Scott, è sovrastato da un mosaico in vetro raffigurante l’ultima cena.

Abbazia Westminster esterno

Dietro l’altare maggiore si trovano le Royal Chapels, delle quali la principale è quella dedicata a Enrico VII, a tre navate con una corona di cappelle. Complessivamente la cappella raccoglie un centinaio di tombe, quasi tutte di sovrani d’Inghilterra.
La statua di Edoardo III, visibile nel museo, è invece la più antica statua europea in legno del sovrano. Nella chiesa abbaziale è conservata la sedia di re Edoardo (King Edward’s chair o St. Edward’s chair), il trono sul quale si siedono i sovrani nell’ambito della loro incoronazione, che si tiene tradizionalmente in questo luogo sin dal Natale del 1066, giorno dell’incoronazione di Guglielmo il Conquistatore.

leggi anche Gotico inglese

Abbazia Westminster entrata

Abbazia di Westminster navata centrale

Abbazia Westminster interno

Abbazia di Westminster, architettura gotica inglese ultima modifica: 2017-01-16T10:22:47+00:00 da Stefano Torselli

commenta