Plogojowitz, il caso del vampiro serbo

Facebooktwittergoogle_pluspinterest

Il rapporto sul caso Plogojowitz è conservato presso l’Archivio di Stato di Vienna, e venne pubblicato nel 1725. E’ uno degli esempi famosi e documentati di inchiesta su un caso di presunto vampirismo. Il rapporto fu redatto da Herr Fromann, provveditore del distretto di Gradisca.

Peter Plogojowitz era un contadino serbo del villaggio di Kisilova, in Rezia. Qualche settimana dopo la sua morte e sepoltura, morirono altre nove persone. Prima di spirare dissero che Plogojowitz li aveva aggrediti durante la notte cercando di soffocarli.

La vedova di Plogojowitz disse che il marito aveva visitato anche lei, chiedendole i propri sandali per abbandonare il villaggio. Gli abitanti, terrorizzati, chiesero di riesumare il corpo. Il sepolcro fu aperto alla presenza del provveditore Fromann, di alcuni abitanti di Kisilova e del pope di Gradisca.

Il caso Plogojowitz e il resoconto delle autorità

Effettivamente il cadavere di Plogojowitz presentava delle caratteristiche compatibili con la tradizione del vampiro: non si era decomposto, non emanava cattivo odore, la pelle era fresca e le unghie erano ricresciute (quelle vecchie erano cadute). Il procuratore Fromann annotò inoltre con grande meraviglia che dalla bocca del morto usciva sangue fresco, e questo particolare fece nascere nei compaesani la convinzione che succhiasse il sangue delle sue vittime.

Gli abitanti di Kisilova decisero di trafiggere il corpo con un lungo palo appuntito. Ecco la descrizione di ciò che avvenne secondo le parole di Fromann: Non solo una gran quantità di sangue, completamente fresco, è scaturito dalla bocca e dalle orecchie, ma anche altri segni (che ometto) si verificarono. (…) Finalmente, secondo la pratica in uso, lo bruciarono. Di ciò voglio informare la presente Amministrazione e, nell’istesso tempo, vorrei chiedere se, in totale onestà, sia stato qui commesso un errore, non io ne venga ritenuto il responsabile ma la folla, che era fuor di sé per il terrore.

Il Caso Plogojowitz fu riportato anche nel trattato di Calmet e divenne celebre in tutta Europa. È il primo documento in cui compare il termine “vampir”.

Plogojowitz, il caso del vampiro serbo ultima modifica: 2017-01-11T19:12:41+00:00 da Stefano Torselli
Facebooktwittergoogle_pluspinterest

commenta