Cattedrale di Gloucester, sintesi tra romanico e gotico

Facebooktwittergoogle_pluspinterest

La storia  della cattedrale di Gloucester è legata alla diffusione della fede cristiana in Inghilterra: nei territori di Gloucester il cristianesimo è presente dal 678 d.c. circa da quando il principe Anglosassone Orsic si stabilì nella zona creando una piccola comunità che costruì una prima chiesa e monastero. Nel 11° secolo la comunità religiosa adotto la regola benedettina, re William I nominò abate del monastero un monaco, Serlo, proveniente da Mont San Michel , un uomo carismatico ed energetico che inizio la costruzione della cattedrale.
Nel medio evo la comunità religiosa divenne potente ed influente nel Gloucestershire e sud Galles e l’abbazia di S. Pietro ebbe importanti legami con la monarchia. Nel 1216 Henry the III fu incoronato re proprio in questa abbazia. Re Edward II fu sepolto in questa cattedrale e durante il 13 secolo furono costruite una nuova torre, una cappella e il refettorio. Nel 14 e 15 secolo la cattedrale fu rimodernata nel particolare stile gotico perpendicolare.

Architettura della cattedrale di Gloucester

La cattedrale di Gloucester nel suo complesso comprende gli stili medioevali ma due sono più presenti: il romanico e il perpendicolare.

In Normandia e Inghilterra lo stile romanico è presente anche se trasformato nei secoli successivi, a Gloucester le primitive costruzioni dell’anno mille sopravvivono come la cripta gran parte del lato est sopra di essa, i grandi pilastri della navata e la maggior parte della navata nord e la sala capitolare Normanna.

Il primo stile inglese è rappresentato dalla volta della navata del 1242 e dal transetto nord. La finestra a trafori nella navata meridionale è tipica dello stile decorato come lo sono le migliaia di fiori scolpiti e la pietra elaborata della tomba di Edoardo II.

Esterni cattedrale di Gloucester

Esterni cattedrale gotica di Gloucester

La nascita di dello stile Perpendicolare

Il rimodellamento del lato est della cattedrale di Gloucester è stato effettuato tra il 1331 circa e 1355, inizia con la sepoltura nell’abbazia di re Edoardo II. I fondi furono forniti dai cortigiani che circondavano il giovane Edoardo III ed i pellegrini che si recavano alla tomba santuario.

Lo stile francese “Rayonnant” aveva una serie di trafori con linee verticali e aperture verso le finestre e gallerie. E’ probabile che questo stile sia arrivato a Londra grazie ai muratori del Kent ed che l’hanno messo in opera per la costruzione della cappella di Santo Stefano, Westminster, e nella sala capitolare del centro di San Paolo.

Questi esperimenti progettuali si sviluppano nel “full-blown Perpendicular” della cattedrale di Gloucester, come la finestra a sud del transetto, che può essere considerata il più antico esempio di stile Perpendicolare. Il primo arco di quattro centrali (che più tardi divenne così popolare come il “Tudor Arco”), si trova anche qui. Il magnifico Coro e presbiterio sono state poi ristrutturate in quello che divenne lo stile standard inglese di architettura per più di 200 anni.

Navata cattedrale di Gloucester

Interno cattedrale gotica di Gloucester

Cattedrale di Gloucester, sintesi tra romanico e gotico ultima modifica: 2017-01-16T10:01:18+00:00 da Stefano Torselli
Facebooktwittergoogle_pluspinterest

commenta