Moda Vittoriana – Fondamentali ..accessori vittoriani

Facebooktwittergoogle_pluspinterest

moda vittoriana gli accessoriAlmeno fino al 1870  i guanti erano uno degli accessori vittoriani praticamente obbligatori sia per gli uomini che per le donne: per tutti i giorni erano in pelle di capretto o di camoscio, mentre per la sera erano in seta bianca per lui e in colori tenui e lunghi poco oltre il polso per le signore. Dopo il 1880  diventano lunghissimi ben oltre il gomito, rigorosamente in seta, ma tendono gradualmente a scomparire nella quotidianità.

Accessori vittoriani maschili

L’uomo vittoriano è nell’immaginario collettivo legato ad accessori come il bastone e il monocolo: in realtà il bastone da passeggio, con manopola ricurva d’argento, è tra il 1880-90 molto diffuso tra i giovani alla moda e i dandy. Gli uomini più maturi portavano più frequentemente ombrelli in seta strettamente arrotolati.

I gemelli d’oro, i fermacravatta, le spille e le catenelle per i monocoli e pinch netz (occhialini senza stanghette) costituivano la gioielleria maschile più diffusa, insieme al corredo degli oggetti da fumo. Il radunarsi a fumare infatti rappresentava uno dei momenti sociali culminanti della vita del gentiluomo vittoriano.

L’accessorio giusto in ogni stagione

accessori femminili inglesi ottocentoA seconda della stagione, gli accessori vittoriani variavano e si presentavano in una moltitudine di forme, materiali e colori diversi.

Gli ombrellini parasole erano d’obbligo in estate per preservare il pallore: intorno al 1860 erano minuscoli (appena 12 cm di diametro) e infarciti di pizzi e ruches, per poi diventare tra il 1870 e il 1890 più ampi e dal lungo manico, in seta di colori tenui e bordati in pizzo. In inverno invece l’accessorio di rigore era il manicotto, piuttosto piccolo ed arrotondato, che poteva essere in lana, velluto o pelle di foca.

Le borsette erano costituite da fini reticoli di argento o in seta intrecciata e fino al 1890 erano usate quasi esclusivamente per la sera. Dopo questa data si affermano anche dei modelli, realizzati in rete d’oro o d’argento, che si appendevano alla cintura tramite una fibbia-gioiello o una spilla.

Gioielli vittoriani

Tra gli accessori vittoriani più raffinati e costosi spiccano i gioielli, in metalli preziosi o in materiali meno nobili. Inizia ad affermarsi, anche grazie alla produzione industriale in serie, il concetto di bigiotteria , alternativa più popolare alla gioielleria tradizionale e artigianale dei pezzi unici.

Le spille erano pesanti e di grandi dimensioni, in oro o in metallo dorato, tempestate di granati, perle e turchesi; verso la fine del secolo divengono più piccole e di fattura più fine, come anche gli anelli. Gli orecchini ornavano praticamente sempre le orecchie, lasciate visibili dalle pettinature vittoriane che volevano i capelli raccolti o nascosti sotto un cappello: spesso abbinati in parure con bracciali, collier o monili, anch’essi diventano più piccoli e leggeri con il passare degli anni.

I cammei hanno conosciuto un intramontabile successo in tutta l’età vittoriana, portati appesi a catenine d’oro tra il 1865 e il 1890 e in seguito incastonati in collari rigidi tempestati di perle o diamanti ispirati alla moda della principessa del Galles, che per prima li sfoggiò.

Piccoli orologi  appuntati alla giacca con una spilla, pettinini decorativi e forcine con perle completavano il complesso di accessori vittoriani per la donna alla moda.

accessori di moda inglese

Moda Vittoriana – Fondamentali ..accessori vittoriani ultima modifica: 2017-01-11T10:29:24+00:00 da Stefano Torselli
Facebooktwittergoogle_pluspinterest

commenta