Musica goth

Facebooktwittergoogle_pluspinterest

bauhaus goth musicI goth adorano la musica tetra. Chi ama la mitologia nordica ascolta anche la musica di Wagner. La Germania ha prodotto molta musica elettronica, techno e industrial che, come Wagner, è spesso considerata simbolo di militarismo e, quindi, di nazismo.
Ma ai goth tedeschi, come a quelli di ogni nazione, non interessa conquistare il mondo, né militarmente né in alcun altro modo.

In principio fu il punk e il glam

Molti concordano sul fatto che la musica goth abbia avuto origini nel punk e nel glam di metà anni 70. Alla fine di quel decennio, in Inghilterra si respirava un clima politico e sociale di grande cambiamento. Gruppi come i Sex Pistols e i Clash hanno
permesso ai giovani inglesi di diventare più consapevoli del contesto culturale e sociale in cui vivevano, e di avanzare pretese. Dal post-punk inglese nasce un nuovo suono, che conserva l’atteggiamento aggressivo e intellettualmente consapevole del
punk ma punta al contempo su qualcosa che faceva parte del passato inglese: la stravagante scena rock-glam di Ziggy Stardust, alias David Bowie. Riferendosi al suo album “Diamond Dogs” del 1974, lo stesso Bowie aveva definito “gotico” il suo stile. Il termine ricompare nel 1979, quando i Joy Division in un’intervista definirono gotica la loro musica in confronto al mainstream pop.

Ziggy Stardust

I Fab Four della musica goth

Nel 1978 compare sulla scena un gruppo di musicisti di Southampton: i Bauhaus. Sono loro a creare le basi programmatiche, musicali e visive, per una generazione di band gotiche. Bela Lugosi’s dead, il loro primo singolo, è alimentato dall’amore di Peter Murphy per l’erotico immaginario vampiresco. Questa canzone dà il via al fascino e alla connessione con il tema dei non-morti, sviluppato in seguito dalla scena musicale che prenderà il nome di goth.

Nel 1979 i Cure fanno uscire Three imaginary boys. La tenera sensibilità di Robert Smith e il suo malinconico romanticismo tocca le corde della gioventù inglese.

Il frontman dei Joy Division, Ian Curtis, era l’emblema di tutto ciò che avrebbe rappresentato il goth. Suicidatosi nel 1980, diventa il primo tragico eroe popolare del nuovo genere.

La carrellata dei Fab Four, i quattro grandi gruppi che hanno dato origine al goth, è completata da Siouxie and the Banshees, la cui leader Susan Dallino adotta uno scioccante modo di vestire che ancora oggi è uno dei più imitati dalle goth girls.

Ironia della sorte, i primi quattro grandi gruppi della storia del goth non hanno mai riconosciuto di fare parte di quella che sarebbe diventata la scena goth. Peter Murphy ha sempre dichiarato che i Bauhaus erano una glam band, sebbene più tetra delle altre. Robert Smith dei Cure ha sempre definito il suo come un gruppo pop. Siouxie and the Banshees e i Joy Division si sono sempre sentiti affini al punk.

bauhaus

Marilyn Manson eretico? Per i goth, senz’altro

La maggior parte dei goth considera Marilyn Manson heavy metal e gli nega l’etichetta goth. Ciò dipende dall’assenza di suoni di base goth nella sua musica (misteriosi effetti di chitarra, il basso protagonista nel mixer, eccetera). Ma è anche un tentativo dei goth di resistere al mainstream. Nonostante l’uso dell’estetica goth e dei temi (in particolare la blasfemia), i goth rifiutano Marilyn Manson perché è percepito come un ladro di stile e dell’estetica. Aver clonato il look gotico senza promuovere la tradizione musicale gotica è un peccato imperdonabile per i fan del genere.

Musica goth ultima modifica: 2017-01-11T18:09:08+00:00 da Stefano Torselli
Facebooktwittergoogle_pluspinterest

commenta