Cimitero Monumentale di Oropa

Facebooktwittergoogle_pluspinterest

Il Cimitero Monumentale di Oropa si trova sulle Alpi piemontesi, vicino a Biella, è il più grande santuario dedicato alla Vergine Maria. Creato nell’ottocento a prosecuzione della grande opera dei monti sacri dispone di un cimitero monumentale molto particolare.

Arrivare a mille metri in mezzo alla roccia e alle conifere sempre verdi viaggiando su tortuose ed ombrose strade e scoprire quest’immensa opera è stupefacente.

Un complesso gigantesco che ha come sfondo le Alpi e alle spalle la grande vallata che porta alla pianura. In questo posto dove il cielo si può toccare con un dito ci sono tre meraviglie.

Il monte sacro creato nel periodo barocco per essere una via crucis con cappelle e sculture in terra cotta di estremo realismo e magnificenza.

Per vederle si cammina sull’erba della montagna in salita sotto le piante con l’odore fresco degli abeti e la rugiada sulle scarpe.

A fianco delle cappelle il santuario con le grandi piazze, le scalinate la chiesa antica e l’enorme cattedrale con la cappella che sfiora il cielo attorniata dalla neve.

Oltre al santuario troviamo il cimitero monumentale con le cappelle sparse nel bosco di faggi poste sulla pendenza del monte. Un cimitero ad oltre mille metri, unico e affascinante, ricorda Staglieno, più grande ma non per questo meno affascinante.

Riposano in questo luogo persone di un passato lontano, nobili, monsignori, politici e accademici.

Le tombe, i monumenti e le devozioni sono state create da artisti capaci e non mancano opere neoclassiche, simboliste e realiste.

L’architettura è suggestiva, tra tombe circolari, una piramide edicole classiche e tempietti che raccolgono epigrafi ottocentesche con storie drammatiche e singolari che hanno spinto la mia mente in un passato profondo, religioso, silenzioso legato alla vita e al mistero molto più di come viviamo la nostra vita.

visita il sito ufficiale del Cimitero Monumentale di Oropa

Cimitero Monumentale di Oropa ultima modifica: 2017-01-11T19:04:29+00:00 da Stefano Torselli
Facebooktwittergoogle_pluspinterest

commenta