Come seppellire un vampiro per non farlo tornare dalla tomba

tomba di un vampiroSeppellire un vampiro presunto o un defunto predisposto a trasformarsi in vampiro richiedeva particolari precauzioni per evitare che i morti tornassero dalla tomba per molestare i vivi: a seconda delle regioni le usanze cambiano per quanto scopi e tecniche siano simili.

Che non mangi più

Se il vampiro mangia e succhia dalla bocca meglio tenerla occupata o chiusa, nell’est Europa si poneva nella bocca un obolo ( piccola moneta frazione della dracma) così da tenere lontani gli spiriti malvagi o impedire all’anima di rientrare; in Grecia invece si poneva sulle labbra una croce di cera o di stoffa  mentre nella Prussia occidentale si poneva in bocca un coccio mentre in altre zone si riempiva la bocca con della terra o si poneva sotto il mento un mattone in modo che non potesse aprire la bocca.

I vampiri erano temuti ma non avevano certo i super poteri alla Dracula se bastava così poco per metterli ko.

Candele e paletti di biancospino

In Romania, Slesia, Germania del nord era anche in uso metter cibo ed  oggetti nella tomba, sia per sfamare il vampiro senza che esca dalla tomba sia per aiutarlo dopo morto. Le candele servivano all’anima per farsi strada durante l’ascesa in cielo mentre sovente gli orifizi erano chiusi da incenso, aglio o sostanze aromatiche per impedire all’anima di rientrare nel corpo.
Molto curioso anche il fatto di porre nella tomba degli oggetti che tenessero occupato il vampiro per tenerlo nella bara: corde annodate, semi di lino, di carote, di miglio di papavero erano poste perchè il morto fosse impegnato a contare, il papavero era preferito per l’effetto narcotico.

La falce per la morte

La morte è spesso rappresentata come lo scheletro di una vecchietta avvolto in una tunica nera che regge una falce, questa rappresentazione deriva probabilmente dall’usanza di vari popoli di porre un falcetto nella tomba. In Ungheria il falcetto lo si piantava nel petto perchè uscisse il sangue e il vampiro non si gonfiasse mentre in Serbia era posto in modo tale che se il morto si girava si tagliava la testa.
Spesso però il falcetto era messo perchè il lavoro tradizionale agricolo continuasse e tenesse impegnato il morto nel caso si risvegliasse. In altri casi era solo un segno distintivo di appartenenza a un gruppo in modo da riconoscere anche dopo anni di chi fosse la tomba.

vampiro con mattone in bocca

Paletti di Frassino

Molti resoconti testimoniano la presenza di oggetti appuntiti nelle tombe, o filo spinato perchè il vampiro si facesse male nel tentativo di alzarsi. Alcuni piantavano anche aghi nella testa o mettevano cocci rotti o chiodi oppure paletti di bianco spino o frassino nella tomba o fuori dalla tomba perchè si infilzasse. In Serbia invece i morti sospetti di vampirismo  erano coperti con delle pelli e si piantavano nel cuore, nello stomaco ed in altre parti del corpo paletti di frassino o bianco spino, se dopo qualche giorno la tomba era piena di sangue questa era la prova che si fosse in presenza di un revenant.
Ma poichè le precauzioni non sono mai troppe in Romania ma anche in Fillandia il morto era legato ai polsi e alle caviglie oppure avvolto in una rete così che oltre alla fatica di slegarsi fosse anche impegnato a contare i nodi della rete.

Confini, crocicchi e fiumi

I presunti revenant, i morti pericolosi, i suicidi,  chi era sospetto di malvagio ritorno, non veniva sepolto nei cimiteri, erano le popolazioni che non volevano, come la chiesa non voleva la sepoltura dei suicidi. Questi indesiderati erano allora sepolti lontano dagli altri morti spesso sui territori di confine o nei crocicchi perchè nessuno li voleva vicino a casa. Questi posti erano allora temuti e si evitavano particolarmente di notte.
Seppellire i morti era però anche difficile, in particolare per i poveri era costoso, non sempre il terreno era facile da scavare e si riusciva ad avere una tomba adeguata e tanto meno una cassa.  I morti erano così buttati nei fiumi, il morto andava a fondo e veniva portato dalla corrente velocemente.

Come seppellire un vampiro per non farlo tornare dalla tomba ultima modifica: 2017-01-11T22:25:59+00:00 da Stefano Torselli

commenta