Il gotico classico e lo stile di Chartres: forma e spiritualità

Facebooktwittergoogle_pluspinterest

Il gotico classico si riferisce a quelle cattedrali francesi del XIII secolo che per stile, caratteri essenziali e forma presentano un equilibrio fra contenuto formale e spirituale. La principale cattedrale di riferimento è Chartres, ma vedremo che il gotico classico si svilupperà anche seguendo altre linee evolutive, sebbene questa cattedrale sia la più importante.

Lo stile gotico classico di Chartres

La pianta generale della Cattedrale Notre Dame di Chartres è di dimensioni grandiose con doppio deambulatorio a cappelle mentre la pianta del transetto ha vaste navate laterali, l’alzato è a tre piani. Il principio di costruzione è diverso dagli edifici del XII secolo, che sovrappongono in altezza le arcate, la tribuna, il triforio e la finestra alta, ridotta di conseguenza nelle dimensioni. L’architetto della cattedrale di Chartres ha sacrificato il matroneo ingigantendo i piani dell’elevato modificando la scala dell’edificio con immense campate definite da pilastri cilindrici o ottagonali circondati da quattro grosse colonne, coperte da grandi volte oblunghe, le cui nervature si prolungano fino all’abaco dei pilastri. La cattedrale risulta quindi più luminosa per le finestre maggiori. Anche l’arco rampante diverge da quello del XII secolo ed è composto da due archi sovrapposti, collegati da un’arcatella che danno forza e ricchezza.

Cattedrale gotica di Chartres

La potenza espressiva di questo edificio si riverbera immediatamente ritrovandola nelle grandi cattedrali del nord della Francia: in Reims, La cattedrale di Amiens, Saint-Laumer, Cattedrale di Beauvais, Soissons ma anche nella stessa Cattedrale Notre Dame di Parigi che subisce dei rifacimenti.
Si riconosce nell’adozione dell’alzato a tre piani, senza tribuna e con finestra superiore ingrandita.
Gli archi rampanti sono a due elementi, mentre il pilastro è cilindrico cantonato da quattro colonne e la finestra composta di due luci sormontate da un rosone. Lo spazio interno è caratterizzato da una grande uniformità nel ritmo delle campate, dalla potenza degli accenti plastici, ma anche da una certa piattezza murale dei grandi allineamenti.

Lo stile gotico di Bourges

La Cattedrale di Bourges fu costruita contemporaneamente a quella di Chartres ma segue linee stilistiche completamente diverse. La sua grandiosità con la lunga navata senza transetto e alcuni arcaismi conferiscono unità nel profilo che risulta molto bello ma ne limita la liturgia. L’edificio manca dei grandi rosoni.
Lo stile semplice della cattedrale di Bourges, con alte arcate e navate laterali molto alte, il transetto quasi nullo viene poco imitato: si ritrova nelle cattedrali di Le Mans e Toledo che seguono però anche altre linee architettoniche.

Il secondo architetto di Le Mans semplificò i pilastri intermedi nella pianta e nella decorazione, e diede alle volte l’aspetto secco e lineare tipico dell’arte normanna contemporanea. Eliminò il triforio dalla navata principale, per ingrandire le finestre superiori. Mentre lo svuotamento totale del muro e della finestra alta a divisioni multiple appartiene già al gotico radiante.

cattedrale gotica di Burges

Altre forme di gotico Normanne e Borgognone

Nonostante la forte influenza di Chartres, verso il 1200 si interpretava lo stile gotico anche in modo alternativo: dall’Inghilterra alle Alpi vengono costruiti monumenti che si distanziano dallo stile chartriano. La chiesa abbaziale di Saint Yved di Braine, la Sainte Chapelle di Digione o la Liebfrauenkirche di Treviri sono esempi molto interessanti: quest’ultima in particolare si caratterizza per l’eccezionale bellezza e originale concezione. A Treviri l’architetto utilizza una pianta centrale che riunisce quattro bracci e quello più lungo è composto dal coro. I supporti sono alti e sottili, la luce è abbondante.

Ad Auxerre, in Borgogna, si trova una significativa variante gotica: si rinuncia alla imponenza di Chartres, l’alzato è a 3 piani, il triforio è alto e le finestre sono ridotte ma la luce è buona perché l’altezza è contenuta. Le colonnette sono sottili e rivestono i pilastri con eleganza.

La Normandia era politicamente separata dalla Francia ma singolarmente lo stile gotico è più affine al borgognone. Il sistema costruttivo è basato sulla galleria a livello delle finestre superiori, le linee sono semplici e i giochi prospettici sono fini e ben diversi da quelli monumentali di Chartres. Di questo stile ricordiamo Coutances, il coro di S. Etienne di Caen , la cattedrale di Rouen e Bayeux.

Il gotico classico e lo stile di Chartres: forma e spiritualità ultima modifica: 2017-01-12T12:31:41+00:00 da Stefano Torselli
Facebooktwittergoogle_pluspinterest

commenta