Cattedrale di Salisbury, capolavoro del primo gotico inglese

Facebooktwittergoogle_pluspinterest

La cattedrale di Salisbury è un capolavoro del primo gotico inglese. Fu costruita in un secolo circa e senza particolari modifiche ulteriori, il che testimonia l’abilità e la capacità dei costruttori.

Navata centrale cattedrale SalisburyNon è solo un monumento ma soprattutto un luogo di culto, la madre di centinaia chiese in Wiltshire e Dorset, meta di pellegrinaggi e preghiere che ogni anno vede passare centinaia di migliaia di visitatori.

Storia della cattedrale

I normanni eressero tra il 1075 e il 1092 una cattedrale a Old Sarum, ma è nel 1220 che fu posta la prima pietra della nuova cattedrale dal vescovo Poore. Negli anni seguenti furono costruiti il coro, la cappella e le torri utilizzando anche le pietre della vecchia cattedrale normanna di Old Sarum.

La necessità della cattedrale deriva dal deterioramento delle relazioni tra il clero e l’esercito. Il vescovo Richard Poore era un uomo ricco e donò il terreno, mentre la cattedrale fu costruita tramite donazioni e grazie ai canoni dei vicari del sud ovest del paese.
La leggenda narra che il vescovo scagliò una freccia per stabilire la posizione di costruzione: la freccia colpì un cervo e il luogo dove morì fu scelto per erigere la cattedrale.

Nei secoli successivi la cattedrale non subì particolari trasformazioni, mentre si eseguirono costantemente restauri e interventi di riparazione.

Cattedrale gotica di Salisbury

Interno cattedrale di Salisbury

Caratteristiche della cattedrale di Salisbury

L’architettura della cattedrale deriva dall’innesto della tradizione architettonica locale con Il gotico classico.
A differenza della germania, dove lo stile francese viene ripreso, in inghilterra si genera uno stile gotico autonomo.
La costruzione della cattedrale di Salisbury inizia nel 1220, lo stesso anno d’inizio della cattedrale di Amiens, ma le due costruzioni sono molto diverse.
La cattedrale inglese non sorge in città ma ai confini, circondata da un ampio prato di dominio ecclesiastico. La pianta della cattedrale mostra come essa sia composta di rettangoli disposti regolarmente, rispecchiando la suddivisione liturgica della cattedrale medioevale.

Differenze con le cattedrali gotiche francesi

A differenza delle cattedrali francesi, in questa mancano i contrafforti rampanti visibili che sono nascosti sotto i tetti delle navate inferiori: soluzione tipicamente inglese, ma anche derivante da una minore altezza delle cattedrali. Infatti Salisbury misura 25,6 metri di altezza contro i 43,5 metri di Amiens. Inoltre in Inghilterra si utilizzavano spessi muri di origine normanna che riducevano la necessità di archi rampanti.

Sebbene di altezza inferiore alle cattedrali francesi, quelle inglesi sono in genere molto più lunghe e riccamente decorate con l’utilizzo di materiali dai colori sgargianti come il purbeck marble.
Le colonne della cattedrale sono particolari e altamente decorative perché composte da molte colonnine en-delit.

Cattedrale di Salisbury gotico fiorito

I numeri della cattedrale

Il corpo centrale della cattedrale fu costruito in soli 38 anni; sono stati utilizzate circa 70.000 tonnellate di pietra per costruire colonne e muri, mentre 28.000 tonnellate di legno di quercia sono state utilizzate per il tetto e 420 tonnellate di piombo per coprire i 4 acri di area.
La torre costruita tra il 1310 e il 1333 con circa 1650 tonnellate di pietra misura 123 metri, ed è la più alta della Gran Bretagna.

La cattedrale conserva nella cappella maggiore la migliore copia delle quattro rimaste della Magna Charta del 1215, portata da Elias di Dereham.
Nella navata nord è custodito il più antico orologio d’Europa che ad oggi ha rintoccato per oltre 5 milioni di volte.
Salisbury è la più grande cattedrale della Gran Bretagna e conta 365 finestre e 8760 pilastri di marmo (il numero di ore
in un anno).

leggi anche Gotico inglese
visita il sito ufficiale della cattedrale di Salisbury

Cattedrale di Salisbury, capolavoro del primo gotico inglese ultima modifica: 2017-01-16T09:46:56+00:00 da Stefano Torselli
Facebooktwittergoogle_pluspinterest

commenta